Il primo premio di “Scarpetta D’Oro” all’illustratrice Giulia Maidecchi

Nov 14, 2017 | edizione 2017

Oggi alla cerimonia di premiazione a Fossò premiata anche la classe IV della Scuola A.Volta di Sandon nell’ambito del concorso di scrittura creativa

Marghera 11.11.17 – Si è tenuta oggi, presso il Palarcobaleno di Fossò, la cerimonia di premiazione e l’inaugurazione della mostra della 22a edizione del Concorso Scarpetta d’Oro, curato da ACRiB-Sezione calzature di Confindustria Venezia Rovigo, in collaborazione con il Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta, il supporto di Assocalzaturifici, e un contributo di Regione Veneto.

Sono 100 le opere, realizzate da illustratori provenienti da tutta Italia, che hanno concorso all’edizione di quest’anno “A ognuno la sua scarpa”.

La giuria di professionisti composta da esperti di illustrazione, arte e comunicazione e presieduta dallo scrittore e disegnatore romano Guido Clericetti, ha assegnato il primo premio a Giulia Maidecchi, giovane illustratrice genovese con l’opera “Supervoglia di indossarle”, che per la prima volta nella storia del concorso realizza una doppietta dopo la vittoria nel 2013. Il secondo premio a Adriana Liuzzi di Ladispoli ed il terzo premio alla livornese Paola Montalto. Sono state inoltre assegnate quattro menzioni d’onore e sei premi speciali.

Con l’occasione, sono stati consegnati 4 premi alle Scuole vincitrici il concorso di scrittura creativa sul tema “Sempre in piedi”. Il primo premio di 500 Euro è andato alla Classe IV della Scuola A.Volta di Sandon (VE), con la favola “Credere nei sogni”.

È stata poi decretata l’immagine preferita con il maggior numero di likes per la “mostra diffusa” fuori concorso “Scarpetta d’Oro – A piedi …”, realizzata nel Comune di Fossò a ottobre. 

Alla cerimonia erano presenti Siro Badon, Presidente Acrib-Sezione Calzature di Confindustria e Presidente del Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta, Vincenzo Marinese, Presidente di Confindustria Venezia Rovigo. Marino Finozzi, Regione Veneto, Tommaso Cancellara, Direttore Generale Assocalzaturifici, e Federica Boscaro, Sindaco di Fosso’

La mostra delle illustrazioni proseguirà al Politecnico Calzaturiero dal 20 al 30 novembre, dove saranno ospitati i laboratori didattici per 330 bambini delle classi III e IV delle Scuole del territorio.

È con grande soddisfazione ed orgoglio che ACRiB-Sezione calzature di Confindustria Venezia segue il concorso fin dalla sua nascita, un progetto didattico-formativo e di educazione culturale per promuovere tra le nuove generazioni il sapere e il gusto della tradizione calzaturiera e di un’arte manifatturiera in continua evoluzione.

Anche quest’anno abbiamo avuto una grande edizione dalla quale sono emersi splendidi lavori; i miei complimenti vanno ai vincitori e a tutti i partecipanti che continuano a fare vivere questo bellissimo progetto”, ha dichiarato Siro Badon, Presidente Acrib-Sezione Calzature di Confindustria e Presidente del Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta.

***

Il Concorso Scarpetta d’Oro è nato nel 1995, quando un gruppo di insegnanti della Riviera del Brenta maturò il progetto didattico-formativo e di educazione culturale, nato da un’idea del maestro Luigino Ferraresso, per promuovere tra le nuove generazioni il sapere e il gusto della tradizione calzaturiera e di un’arte manifatturiera in continua evoluzione.

Il Premio “Scarpetta d’Oro”, articolato nei due concorsi per illustratori e per scrittura creativa delle scuole, è curato da ACRiB-Sezione calzature di Confindustria Venezia, in collaborazione con il Consorzio Maestri Calzaturieri del Brenta ed il Politecnico Calzaturiero.

Scarpetta d’Oro nel tempo ha saputo conquistare considerazione nel panorama dei concorsi per l’illustrazione, divenendo uno tra i più importanti d’Italia, in talune occasioni fungendo da trampolino di lancio per alcuni degli artisti premiati.

Grazie alla creazione di un sito interamente dedicato al progetto (scarpettadoro.org), è possibile fruire delle opere e di tutte le favole illustrate, che si sono classificate con merito negli ultimi ventidue anni.